FONDAZIONE BHOLE BABA

La Fondazione Bhole Baba nasce nel 1983 per volontà dello stesso Shri Babaji, che incarica Lisetta Carmi (Janki Rani), che tra i devoti italiani era tra i più vicini al Maestro, di esserne a capo. Pubblichiamo qui di seguito una breve testimonianza di Janki, e la lettera che Babaji dettò a Gaura Devi, prima di firmarla con il simbolo OM.

Babaji mi chiamò ad Herakhan dall’Italia pochi mesi prima di lasciare il corpo, stetti con Lui un mese divino.

Fu allora che mi disse di creare la Fondazione Bhole Baba e di esserne il Leader, e scrisse una lettera che Gora Devi tradusse in italiano dove c’era la firma (OM) di Babaji stesso.

Dopo un anno e mezzo, avendo fatto tutto ciò che Babaji voleva e mi aveva ordinato con l’aiuto di Rup Chand e Prem Sing, ho dato le dimissioni da Presidente.

Dopo molti anni di numerose difficoltà, di duro lavoro e di lotte inspiegabili, la Fondazione Bhole Baba è stata riconosciuta come ente morale dallo Stato Italiano nel 1997.

Lisetta Carmi (Janki Rani)

La Fondazione Bhole Baba gestisce sia il Centro Bhole Baba di Cisternino (Brindisi) che il Centro Spirituale di Pace Hairakhandi di Villa San Secondo (Asti), partecipa al Samaj italiano, e nel 1997 è stata riconosciuta dal Presidente della Repubblica Italiana come ente morale. Gli scopi della fondazione sono la diffusione del mantra Om Namah Shivaya e la preservazione della proprietà del Centro Bhole Baba di Cisternino. Tra le iniziative promosse dalla Fondazione Bhole Baba è da segnalare il Bhakti Festival, festival internazionale di spiritualità che da qualche anno la Fondazione organizza all’ashram di Villa San Secondo. Per maggiori dettagli seguite i link, o cliccate sulle immagini che seguono.

Per gli interessati, sono disponibili in versione pdf lo statuto costitutivo aggiornato della Fondazione Bhole Baba, così come l’ultimo Rendiconto Fiscale della Fondazione. Entrambi i documenti sono scaricabili cliccando sui bottoni qui di fianco.